Subscribe RSS
Lettera Del Padre Rettore Dic 25

Gli Auguri Natalizi del Santuario


 
 Nativit
 
 
Natale! La celebrazione della nascita del Signore é tanto sentita nella pietà della Chiesa e nella religiosità
popolare e anche dalla cultura contemporanea, nonostante gli attacchi del consumismo.
Pensiamo alla drammatizzazione che ne fece S. Francesco quando, a Greccio, ha inventato il Presepio.
Da allora non c’è chiesa, luogo di culto o casa che non ci sia il presepio magari accanto all’albero.
Dobbiamo andare oltre il sentimento tanto facile in questo santo giorno e, con profonda fede accostarci
all’adorazione del Figlio di Dio fatto uomo. Il Natale é l’inizio della nostra redenzione (siamo stati
redenti dal peccato) perché il Figlio di Dio si è fatto persona umana, il Verbo (cioè Gesù parola vivente
di Dio) si é incarnato (si è fatto uomo) per portarci definitivamente il messaggio (Parola) del Padre; la
Parola definitiva per la nostra salvezza completando ciò che dissero, secoli prima per i Profeti.
Tre messaggi
Dal santo Natale ci arrivano tre messaggi:
Il Primo: la PACE. Gesù e il “Principe della Pace!” (“pace in terra agli uomini di buona volontà che
egli ama”). Negli ultimi anni é stata introdotta la “Giornata della Pace” (1° Gennaio) che ha il suo
fondamento nel Natale.
Il secondo messaggio: la GIOIA! (“la sua nascita apporterà gioia a tutto il mondo”).
Il terzo messaggio: la GLORIA! (Gloria a Dio nell’alto dei Cieli). La gloria del Signore avvolse i pastori
nella luce” (LC 2,9). “Gesù é la luce che illumina ogni persona che viene in questo mondo” (Gi 1,9).
Maria nell’Incarnazione
Maria è presente totalmente nel mistero del Natale: Ella è la madre di Dio, Dio stesso fatto uomo. Nel
Magnificat Lei stessa dirà: (“grandi cose ha fatto l’Onnipotente”) (Lc 1,49).
RINGRAZIAMO. Con questi pochi cenni, cari devoti, benefattori, amici desideriamo inviare sinceri,
affettuosi e riconoscenti auguri per un santo Natale e un sereno Anno nuovo. In particolare, in questi
santi giorni ricordiamo gli ammalati, gli anziani, i disoccupati e gli emigrati. “Dio che nella nascita
del Cristo, suoi Figlio ha inondato di luce questa “notte” santissima, allontani da voi le tenebre del male e
v’illumini con la luce del bene” (dal prefazio). Riconoscenti sempre, nella preghiera vi salutiamo e vi
benediciamo.
 
   
 
                                                                                      Fra Stefano Gallinaro – Rettore
                                                                                            I Frati del Santuario
 
 
Categoria: Prima Pagina
Puoi lasciare un commento attraverso RSS 2.0 feed. I commenti ed i Ping sono chiusi.